Home » Bufale blasonate » La ministra dell’istruzione Laura Azzolina chiude le facoltà di Storia

Università La Sapienza

Università La Sapienza – Roma

Ultime notizie!

ANSA – Oggi 10.64

La ministra dell’istruzione, Laura Azzolina, ha presentato un progetto urgente al governo per chiudere tutte le Facoltà di Storia sul territorio nazionale.  In un lungo comunicato il MIUR si è detto particolarmente colpito dalle affermazioni del giornalista televisivo Corrado Augias e ha deciso di dare riscontro positivo alla sua proposta.

Infatti. nel corso della trasmissione Quante storie del 20 agosto 2020 , Augias aveva affermato: “In Italia abbiamo una secolare questione meridionale rinfocolata da una risorgente pubblicistica neo borbonica secondo la quale il Piemonte ha compiuto un’invasione e lo sfruttamento del Sud. Non voglio entrare nel merito ma dico solo che siccome questa questione non è stata mai risolta neanche dal punto di vista concettuale fino ad oggi, forse sarebbe bene che venisse accantonata come memoria per guardare solo all’avvenire. L’elogio della memoria va bene ma in qualche caso va bene anche l’elogio dell’oblio.”

Radiocor – 11.32

Il Presidente del Consiglio, Filippo Conte, si è dichiarato d’accordo con la proposta della ministra.

Askanews  – 11.33 circa

Il Presidente della Camera, Alberto Fico, approva e aggiunge: “Se oblio deve esserci deve essere totale e non solo di una parte!”

ANSA – 12.00

Per favorire l’oblio totale il Ministro per i Beni, le Attività Culturali e il Turismo, Mario Franceschini, ha dato mandato di abbattere tutte le statue di Garibaldi, Vittorio Emanuele II, Mazzini, Cavour, Cialdini e di adeguare al nuovo corso tutta la toponomastica che richiama la memoria risorgimentale.

Il Velino – 12.01

Maurizio Renzi e Lino Zingaretti, in un comunicato congiunto, si sono detti d’accordo con il ministro Franceschini: “Ad una sola e unica condizione però: che i costi dell’operazione oblio siano coperti utilizzando il MES.”

Basilicata Net  – 12.11

La Ministra dell’Interno, Tiziana Lamorgese, è stata invitata dal presidente della Regione Basilicata, Nino Bardi, a demolire il museo dedicato a Cesare Lombroso a Torino. “Non me ne frega niente di questo museo, ma le opposizioni incalzano e già non riesco a combinare nulla di buono. Almeno in questo venitemi incontro!” , ha dichiarato Bardi. La ministra, di origini lucane, ha acconsentito e disposto la demolizione del museo.

Adnkronos – 13.13

Un gruppo di attivisti della organizzazione neo massonica La Giovane Italia è stato sorpreso a trafugare le teste dei briganti sotto formaldeide dal museo prima della sua demolizione. Il presidente del gruppo eversivo, Sandrino Barbero, ha dichiarato: “Non ritenevamo corretto che si distruggessero le prove della naturale inclinazione a delinquere dei meridionali e si vanificasse così l’opera dell’eminente scienziato Lombroso.”

AGI – 15.15

L’onorevole Maria Meloni ha chiesto che venissero distrutti anche tutti i libri che riguardano la recente storia d’Italia e d’Europa. “La memoria di quanto accaduto in Italia e in Europa con il fascismo e il nazismo è ancora troppo divisiva e abbiamo una risorgente pubblicistica di sinistra che aizza gli animi su una questione che forse sarebbe bene che venisse accantonata come memoria per guardare solo al sol dell’avvenire. L’elogio della memoria va bene ma in qualche caso va bene anche l’elogio dell’oblio.

AGI – 15.16

Mi ero dimenticata di dire” ha aggiunto Maria Meloni dopo averci ricontattato “che l’organizzazione che dirigo, Fratelli d’Italia, non ha nulla a che fare con chi ha trafugato le teste dei briganti e che fa parte della Giovane Italia e non di Fratelli d’Italia. Questo onde evitare le solite strumentalizzazioni da parte di un governo che deva annà a casa perché c’ha stufato!

Inter press service – 15.20

A questo punto, ha dichiarato Maurizio Salvini, vanno distrutti anche tutti gli atti processuali della recente storia della Lega e dei 49 milioni fregati e da restituire. Questo per un minimo di senso di giustizia. Anche a noi spetta una quota di oblio.”

Italpress – 15.21

Il sindacato insorge a difesa dei docenti di storia rimasti senza occupazione. La ministra Azzolina rassicura: “Sono previsti corsi di riqualificazione  alla fine dei quali potranno essere utilmente impiegati nell’insegnamento della matematica e della trigonometria.” 

ANSA – 14.83

Corrado Augias dichiara: “Uffa quante storie! Stavo a scherzà! Poi ero appena tornato dal mare e il sole mi aveva provocato una leggera insolazione con evidente stato confusionale. Ma mica mi dovete sempre prendere sul serio! Poi c’è anche l’età!”

Ufficio Stampa Rai – 15.35.15

Il presidente della Rai, Marietto Foa, intima a Corrado Augias: “Raggiungi il tuo compagnuccio Alessandro Barbero dietro la lavagna! Prima a di’ che Fenestrelle  era un centro di cura e benessere, mo’ questa storia dell’oblio! E basta co’ ‘sti’ scherzi stupidi! Me state a fa’ fa’ ‘na figuraccia!”

Avvertenza

Tutto quello che avete letto sino ad ora, a parte l’uscita di Augias nella trasmissione del 20 agosto, è inventato. Una idiozia rimane tale a prescindere da chi la dice … persino se a dirla sono io :-)

Quante Storie

Uffa quante storie!

Dietro la lavagna

Dietro la lavagna!

Condividi ora sui social!

Scopri di più sul mio ultimo libro: Dalla Parte dell’Assassino!

Lascia un commento

Condividi ora sui social!